IL MENEGHINO DAL VIVO –  BUONA MUSICA CON ABBINAMENTO DI  OTTIMA BIRRATUTTI I GIOVEDIALLE 21

Il Birrificio Meneghino di via Pietro da Cortona 13 a Milano organizza tutti i giovedì alle 21 la rassegna Meneghino Dal Vivo, ovvero l’occasione di gustare delle ottime birre artigianali prettamente milanesi, il nome la dice lunga, accompagnate dalle michette, le sleppe, gli hamburger  e i piatti della tradizione meneghina, e contemporaneamente di ascoltare dell’ottima musica dal vivo.  Le esibizioni, iniziate il 28 Ottobre con il duo Cava-Villano, continuano il prossimo 11 Novembre con Alessandro Ponti, chitarrista e cantante milanese di Blues, Gospel e Ragtime. La voce matura, sporcata dalla terra del Delta, e lo stile chitarristico fingerpicking lo collocano stabilmente nelle sonorità acustiche del sud degli Stati Uniti durante gli anni ’20 e ’30 del secolo scorso. Tempi e terre che sembrano tornare in vita sentendo Ale suonare e cantare. Da ascoltare sorseggiando Lamerica, American pale Ale,bilanciata in ciascuna delle sue componenti.

Il 18 Novembre troveremo di Folco Orselli, accompagnato da una chitarra, le sue canzoni e le sue storie. Lo spettacolo in solo è il contrario di quello che la parola lascia immaginare. Essere soli sul palco significa raccontare, cantare e suonare come se lo spettacolo fosse dedicato privatamente a ognuno dei partecipanti, quindi si moltiplica e diventa un affollato scambio di confidenze. Si abbina ottimamente con la  Micca, maltata e croccante: una lager chiara e amabile dal colore giallo dorato.


Il 25 Novembre troveremo Tia Palomba & The Lazy Folks,  un progetto che prende le atmosfere di Neil Young e le dilata fino a raggiungere i lidi spaziali di Bowie e le strade polverose di Lou Reed e Tom Petty. Un percorso dalle forti tinte a stelle e strisce che parla la lingua dei grandi maestri del passato. Consigliata la DU, ambrata con riflessi rossi, si ispira al Belgio della tradizione monastica.
 


Il 2 dicembre sarà la volta di Maurizio Fenini, progetto one-man-band (voce, armonica, chitarra e chitarra resofonica) che ripropone alcuni brani di Keb’ Mo’, Snooks Eaglin, Jim Croce e Bob Dylan, a metà strada tra il blues e il folk. Perfetta combinata con la la Lippa una Ale dall’anima tedesca, amara, giustamente alcolica ma beverina.
 


Il 9 dicembre arrivano Alcune Lacune,  così descritti dal loro agente: “In realtà ti dico che fanno 3/4 brani #reggae, 1/2 #rocksteady, 4 canzoni, un #similcalipso, una pseudobeguin un po’ tangosa, un paio di walzerini, un pezzo similcountry, un pezzomezzodub, un paio di cover dei favolosi anni 60. Io lo chiamerei “#CoolAge” il genere. Se fossi un Claudio Cecchetto… ma sono cicchetto e basta.”.  Sono perfetti con la Calibro 9, una birra scura con lievito weizen composta da una miscela di 9 malti

 

Andiamo fino in Mississippi il 16 dicembre, con i Delta Preachers, che partono dal suono elettrico di Chicago, passando per la Memphis di B.B. King e arrivando al Jump della West Coast, in pratica suonano il Blues per esorcizzare il blues.. E la musica scorre meglio con l’ATM, una birra leggerissima, da berne in continuazione, si fa notare per i profumi di pesca e uva bianca.

La serata dei Delta Preachers sarà anche l’occasione per raccogliere fondi a favore della Associazione Veronica Sacchi, che tramite i suoi volontari con la clownterapia porta sorrisi a bambini in ospedale, anziani soli e anziani non autosufficienti, persone con disabilità intellettiva o disabilità motorie e chiunque vive un momento di malattia, sofferenza o disagio.


A chiudere la rassegna, in perfetto stile meneghino, i Teka P, band musicale attiva dal 2001 che propone composizioni originali e rivisitazioni di brani in lingua milanese su basi dalla radice blues e che spaziano dal reggae al latin, allo swing, e che possono annoverare collaborazioni con Nanni Svampa in studio e con Enzo Jannacci dal vivo. La formazione acustica e ridotta TEKA DUO, con Ivo Maghini alla voce ed Andrea Parazzoli al pianoforte conserva la potenza e l’originalità della proposta in una versione più intima. Qui ci sta la Cadrega, una tripel, prima nata della serie di birre dedicate alle icone meneghine.


Prenotazioni: +39 3737414278